Enciclopedia della PNL

Da Manager a Leader

Roberto Re

”Un bel libro pratico, vero, motivante… Come tutti quelli di Roberto Re. Per il lavoro, per fare la differenza oggi. Non puoi solo dirigere i compiti lavorativi, tu vuoi guidare, vuoi essere anche leader, di te stesso in primis e poi dei tuoi collaboratori. Questo libro aiuta tutti i manager ad fare il passo di qualità! ” Debora Conti



Due ruoli difficili da conciliare in un'unica personalità. Due ruoli che BISOGNA far convivere nella stessa persona.

Che tu sia un dirigente aziendale, un piccolo imprenditore, un titolare di un esercizio, sei un manager: devi gestire un'impresa e una squadra di persone, e per questo devi saper essere anche un leader, e allora ecco gli insegnamenti del leader di tutti i leader, Roberto Re: con stile concreto e molti consigli tratti dall'esperienza diretta, ti insegnerà a fare del tuo business e della tua vita un capolavoro.

Manager VS Leader:

"Chi era e cosa faceva il manager nel secolo scorso?

In passato il manager stava principalmente dietro la scrivania a sviluppare strategie e processi e comandava le persone impartendo ordini e direttive. Passava la stragrande maggioranza del tempo nel suo ufficio, che spesso e volentieri si trovava lontano (meglio se qualche piano più su!) dal luogo in cui lavoravano i «sottoposti», persone con cui entrava in relazione saltuariamente e in modo perlopiù distaccato. Il rapporto tra il dirigente, il capo e la sua squadra era infatti assolutamente gerarchico e del tutto privo di familiarità. Capo e collaboratori facevano quasi parte di due «caste» diverse. L'immagine di Giandomenico Fracchia o del ragionier Fantozzi che entrano nell'ufficio del Megadirettore Galattico con mani spugnate e lingua felpata per la tensione non è nient'altro che la trasposizione in chiave comica di quello che era il tipico rapporto tra chi dirigeva e chi veniva diretto.

Chi era invece in quell'epoca il «leader»? Solitamente era un trascinatore carismatico, un condottiero pieno di energia che motivava e ispirava la truppa. Magari un po' arruffone, oppure un po' indisciplinato, ma certamente ima persona capace di smuovere le montagne!

Insomma manager e leader sono sempre stati definiti come due personalità diverse e spesso quasi contrapposte. Questa contrapposizione è ancora presente nell'immaginario collettivo e ne ho prova ogni volta che, introducendo il programma formativo Da Manager a Leader, chiedo ai partecipanti di elencare le caratteristiche specifiche del manager e quelle del leader.

Ai più attenti e analitici non sfugge il significato etimologico delle due parole: manager deriva dal verbo inglese to manage, che significa «gestire», mentre leader da to lead, che significa «condurre, guidare».

Dunque il manager gestisce l'organizzazione, il leader guida le persone.

Quindi emergono via via altre differenze e contrapposizioni:
• Il manager è imposto dall'alto, il leader è riconosciuto dai collaboratori.
• Il manager ha autorità, il leader autorevolezza.
• Il manager stabilisce regolamenti e procedure per il funzionamento dell'organizzazione, il leader trasmette valori e principi alle persone.
• Il manager definisce ruoli e mansioni da assegnare alle risorse umane, il leader punta a sviluppare i talenti delle persone.
• Il manager studia piani di incentivazione, il leader motiva e ispira le persone.
• Il manager è un problem solver, il leader è un opportunity maker.
• Il manager si preoccupa di garantire il rispetto di standard e procedure, il leader promuove rinnovazione.
• Il manager è più focalizzato sul contenimento del rischio, il leader si assume i rischi del cambiamento.
• Il manager ha una prospettiva a breve-medio termine, il leader ha una visione a lungo termine.
• Infine, il manager è ragione e metodo, il leader è cuore e passione."

Questo volume fa parte della collana: I libri da Leader consigliati da Roberto Re




Roberto Re



Roberto Re è conosciuto in Italia come il più famoso motivatore di crescita personale. Con la sua società HRD Training Group offre da più di vent’anni formazione in tutta Italia. Si impegna costantemente per diffondere concetti di crescita personale tramite i suoi best seller, partecipazioni a trasmissioni televisive, corsi intensivi o brevi in sale di teatro sempre gremite. La sua formazione nasce con Anthony Robbins, per cui è trainer alla sua Master University. In qualità di coach ha seguito molte personalità Vip, specialmente nel mondo dello sport, per aiutarli a migliorare nelle performance o a superare fasi di stallo.